Come preparare il file di stampa

Gentile Cliente, di seguito trovi le indicazioni minime da seguire scrupolosamente per la creazione dei tuoi files di stampa. Solo rispettando le seguenti linee guida potrai ricevere un risultato di stampa che soddisfa le tue richieste. Ti ricordiamo che, in fase di completamento ordine, ti assumi la responsabilità della conformità dei files caricati, sollevando Stampiamoli da responsabilità circa il risultato di stampa.

1. Formato file

Tutti i files di stampa devono essere realizzati con un software di grafica adatto (Adobe Photoshop, Adobe Illustrator, Adobe InDesign) e salvati in formato PDF, TIF oppure JPG.

Tali file inoltre:

  • devono essere ridotti ad un unico livello di fondo
  • non devono contenere Canali Alpha
  • non devono contenere tracciati di ritaglio
  • non devono contenere linee guida

In particolare:

File TIF

  • devono essere ridotti ad un unico livello di fondo
  • non devono contenere Canali Alpha
  • non devono contenere tracciati di esenzione
  • devono essere salvati senza la funzione di compressione, con matrice di pixel Interleaved

File JPG

  • utilizzare solo il formato Standard JPG (ad es. escludere la versione JPG 2000)
  • salvare con qualità massima e Baseline (Standard)

File PDF

In caso di file PDF è preferibile caricare singoli file in PDF anzichè un PDF a più pagine. Questo perchè, in caso di prodotti a più pagine, questi potrebbero avere diverse tipologie di lavorazioni a seconda della pagina (copertina diversa da pagine interne).

I file PDF devono corrispondere alla versione PDF/X-3:2002 Standard. Si prega inoltre di considerare che:

  • la versione PDF deve essere 1.3
  • le trasparenze non sono ammesse
  • per la riduzione delle trasparenze si deve fare in modo che testi e vettori non vengano convertiti in dati di immagini (impostazione: alta qualità/risoluzione; la denominazione può variare in base al software utilizzato).
  • i pattern non sono ammessi
  • commenti e campi Form non sono consentiti
  • sistemi di cifratura (come ad es. password) non sono consentiti
  • commenti OPI non sono ammessi
  • curve di trasferimento non sono ammesse
  • devono contenere un Output-Intent (indicazione di modalità di stampa)

In aggiunta a tali premesse relative al PDF/X-3:2002 Standard vale:

  • tutte le scritte devono essere convertite in tracciati/vettori
  • i livelli non sono ammessi
  • non creare documenti PDF con rotazione delle pagine

Ulteriori informazioni sull’argomento PDF/X-3:2002 sono reperibili al link www.pdfx3.org.


2. Dimensioni del file, margini e aree di sicurezza

Nella creazione del file di stampa si può utilizzare, se presente, come modello di riferimento l’esempio presente nella scheda di ogni singolo prodotto o nell’area dedicata ai modelli di layout.

Tuttavia occorre tenere presente che:

  • i files di stampa devono essere creati aggiungendo 2mm in più, per ogni lato, rispetto alle dimensioni di stampa del prodotto.
    Ad esempio:
    Prodotto in formato A4
    – dimensioni finite 210 x 297 mm
    – dimensioni del file di stampa 214 x 301 mm
  • lo sfondo deve coprire l’intera area/dimensione del files di stampa
  • gli elementi grafici importanti (testi, loghi o immagini rilevanti) devono essere inseriti ad una distanza di sicurezza, dal bordo del formato finito, pari ad ulteriori 3mm.
  • i file di stampa non devono contenere crocini, linee guida, linee di taglio o altri riferimenti in nessun punto del file.

3. Risoluzione del file di stampa

Per la maggior parte dei prodotti a catalogo è richiesta una risoluzione da 300 fino a 356 DPI ad eccezione di striscioni, banner o stampe su tessuto, con dimensioni superiori ai 4 metri sul lato più lungo, per i quali si richiede una risoluzione pari almeno a 1000 DPI.


4. Metodo e profilo colore

Il metodo colore da attribuire ai files di stampa è il CMYK (Ciano, Magenta, Giallo, Nero) con 8bit/canale

Il profilo colore da attribuire al file di stampa è ISO Coated v2 300% (ECI) oppure il Coated Fogra 39.


error: Impossibile selezionare